Prima la allontanano, con la forza, dal treno su cui stava viaggiando. Poi tentano di immobilizzarla, sbattendole la faccia contro una panchina, sulla banchina della metro. Due agenti della polizia svedese, protagonisti dell’episodio che ha creato molto clamore nel Paese scandinavo due giorni fa, sono stati sospesi dal servizio. La donna, una 30enne incinta all’ottavo mese, viaggiava senza biglietto, secondo le forze dell’ordine, diretta in ospedale in compagnia della figlia di cinque anni. Stando a quanto ha dichiarato alla tv pubblica svedese, invece, era munita di documento di viaggio ma al momento del controllo non lo trovava. La polizia sta indagando sull’accaduto e i due agenti sarebbero accusati di aggressione. Anche l’azienda che gestisce il trasporto pubblico ha avviato un’indagine interna per fare luce sull’accaduto.

Video Instagram

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Venezuela, sette Paesi Ue con Guaidó. E Mattarella chiede chiarezza al governo: “No esitazione tra democrazia e violenza”

prev
Articolo Successivo

Venezuela, gli italo-venezuelani al governo italiano: “Voi dalla parte sbagliata della storia, basta alla dittatura di Maduro”

next