Centotrenta associazioni e 10mila cittadini hanno invaso le strade di Genova per dire no al decreto sicurezza e alla politica dei respingimenti. Al corteo “Per Genova accogliente e solidale”, promosso dalla Comunità di San Benedetto al Porto fondata da don Gallo, hanno aderito partiti, sindacati, scout, realtà dell’area cattolica e centri sociali, in uno spezzone autonomo. “Una mobilitazione così ampia ricorda quella del 30 giugno 1960”, dice Megu Chionetti, portavoce della Comunità, “non è più questione di destra o sinistra: l’opposizione a queste politiche ha portato in piazza un fronte largo e trasversale”.

In strada persone di tutte le età e le generazioni, dagli anziani genovesi agli immigrati che popolano i caruggi: “Vorrei solo che Salvini fosse un po’ più gentile con noi”, dice una giovane africana. “Siamo per una società che voglia aumentare i diritti a tutti invece di toglierli a qualcuno”, dicono i manifestanti. “Queste persone affrontano l’inferno per arrivare in Italia, e una volta qui vengono lasciate in mezzo alla strada ad aumentare l’insicurezza percepita”. Una delegazione del corteo ha gettato nelle acque del porto una ghirlanda e decine di fiori, come omaggio a tutte le vite scomparse nel Mediterraneo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Giornata della memoria, gli “eroi qualunque” che avvertirono del rastrellamento di Genova: “Non furono indifferenti”. Il superstite: “Come fu possibile? Restare critici, anche oggi”

prev
Articolo Successivo

Italiani come noi, spiati dagli algoritmi? “Come una schedatura, meglio stare attenti”. “Bisogna accettare il sistema”

next