Diciannove anni, 120mila follower su Instagram, appassionato di sport e di selfie a petto nudo, in cui mostra un fisico scultoreo. È Arthur Robert Nathaniel Chatto, nipote della regina Elisabetta II. Non ha titoli nobiliari ed è 25esimo in linea di successione al trono (cosa che ha i suoi vantaggi), ma si è già conquistato il titolo di “royal single” più ambito del Regno Unito. Ora che il principe Harry non è più sul mercato infatti, è lui lo scapolo più ambito della famiglia reale britannica.

Arthur è il secondogenito di Lady Sarah Chatto, unica figlia di Antony Armstrong-Jones e della principessa Margaret, l’amata sorella di Sua Maestà, scomparsa nel 2002. Elisabetta II è quindi la sua prozia, e quand’era poco meno che adolescente era solito farle da paggio durante le cerimonie ufficiali. Anche lui ha frequentato Eton, il prestigioso college del Berkshire preferito dalla meglio gioventù britannica. Lì ha preso parte anche al “Combined Cadet Forced Training”, il programma che prepara gli studenti alla carriera militare, e ora frequenta invece l’università di Edimburgo. 

Appassionato di sport, sul suo profilo Instagram alterna le foto a petto nudo durante gli allenamenti a quelle in tight agli eventi ufficiali, come il matrimonio di Harry e Meghan, dove è passato però un po’ inosservato. Lo si può vedere mentre si immerge tra i ghiacci della Groenlandia, quando scala gli altopiani scozzesi o, più semplicemente, si allena in palestra. La geolocalizzazione mette in luce un’educazione tipicamente british: si passa dal Natale a Durham, nel nord dell’Inghilterra, alle foto con gli amici ad Ascot, fino ai prati di Windsor. Ciliegina sulla torta: suona la cornamusa. Purtroppo però, sembra che il bel Arthur al momento sia “impegnato”, anche se non ci sono conferme ufficiali. Così le giovani che lo seguono su Instagram non perdono le speranze e continuano a fargli i complimenti più disparati: “Sposami“, gli scrivono nei commenti alle foto. E addirittura“Ti amo“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sanremo 2019, gli Of New Trolls contro Baglioni: “Scartati per brano ‘sovranista’? Il pensiero è ancora libero”

prev
Articolo Successivo

Sfera Ebbasta, la foto con un’auto di lusso: “Devo andare più veloce di chi mi odia”

next