Un evento osservato una sola volta in precedenza. Un evento che è raro e allo stesso momento molto misterioso. Onde radio che provengono dalla stessa fonte che si trova a 1,5 miliardi di anni luce con un segnale ripetitivo molto insolito. Le onde provenienti dallo spazio profondo e lontanissimo – come riporta la Bbc – sono state rilevate da un telescopio in Canada.

Tra le tredici veloci “esplosioni” radio c’era un segnale ripetitivo molto insolito, proveniente dalla stessa fonte e questo ha catturato immediatamente l’attenzione dei ricercatori. “Con più ripetitori e più fonti disponibili per lo studio, potremmo essere in grado di comprendere questi enigmi cosmici, la loro origine e cosa li genera” ragiona Ingrid Stairs, astrofisica dell’Università della British Columbia (UBC). Il radio telescopio canadese nella Valle Okangan (British Columbia) ha iniziato a lavorare l’anno scorso e la ricerca è stata pubblicata su Nature con un disclaimer.

Cosa genera il segnale ripetitivo di queste onde radio? Le ipotesi possono essere anche molto suggestive: una stella di neutroni con un campo magnetico molto forte che gira molto rapidamente, due stelle di neutroni che si uniscono oppure una qualche forma di civiltà aliena.

L’abstract su Nature

Foto di archivio

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

L’effetto Monna Lisa esiste ma non nella Gioconda. Studio sul dipinto di Leonardo

prev
Articolo Successivo

Hubble ha scoperto il quasar più brillante mai visto nell’Universo primordiale

next