Nel giorno in cui Open Arms organizza a Roma la manifestazione Materiale Resistente, una delle sue navi nel giro di poche ore localizza e salva i migranti di tre diversi gommoni. In tutto, 307 persone, tra cui un neonato di due giorni, nato sulle spiagge libiche.
Durante l’incontro promosso dalla Ong fondata da Oscar Camps, hanno preso la parola simpatizzanti, sostenitori e volontari.  “Ormai da oltre un anno e mezzo si assiste alla criminalizzazione della solidarietà” dice Diego Bianchi, “una cosa che non pensavo di dover vedere”. Il comandante della nave di Open Arms e capo progetto Riccardo Gatti sottolinea che “non c’è più un coordinamento in mare dei salvataggi, quindi non sappiamo più né quanti migranti partono, né quanti muoiono nel le acque del Mediterraneo”.
E Open Arms ha lanciato l’appello per salvare il neonato. “Abbiamo appena chiesto a Malta l’evacuazione medica urgente del neonato perché la sua vita qui è in pericolo. Aiutateci”, ha scritto in un post su Twitter Oscar Camps, “nel Mediterraneo non c’è Natale, come è evidente si continua a partire”. La Ong ha pubblicato la foto del bambino sulla nave.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Lodi, il Comune si adegua alla decisione del tribunale: modificato il regolamento per accesso alla mensa dei bimbi stranieri

prev
Articolo Successivo

Pisa, battaglia in Comune sul bilancio: “Un caso più grave di quello Lodi”. Ma il sindaco: “Noi andiamo avanti”

next