Il titolo della locandina era: “Concerto corale di Natale, serata di musica e intercultura”. Gli organizzatori, in scaletta, avevano inserito anche “Bella ciao“, considerandola una canzone popolare. E così nella chiesa Santa Teresa del Bambin Gesù, a Bologna, il coro ha cantato la canzone simbolo della Resistenza. Il video della serata ha fatto il giro del web e ha suscitato le polemiche. Il deputato di Forza Italia, Galeazzo Bignami, ha criticato l’iniziativa: “Cosa c’entra quel canto con una rassegna natalizia? A Bologna Dio ti vede, ma Stalin ti sente. È inaccettabile”. Si è difeso il parroco, don Massimo Ruggiano: “Non avevo visto il programma. Mi dispiace per quanto è accaduto e mi scuso per l’errore”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Il Fascismo è ancora tra noi. E Umberto Eco ci insegna dieci modi per riconoscerlo

next
Articolo Successivo

Rai, doppio esposto del Pd contro la nomina dei 29 vicedirettori. L’azienda: “Ogni regola è stata rispettata”

next