“E’ per riconoscenza che ho voluto portare Raul nella giungla, dove si è nascosto per anni”. Raul è un ex guerrigliero e la giungla è stata casa sua. Alessandro Di Battista, Sahra Lahouasnia e il piccolo Andrea tornano con la 6° puntata de L’Orizzonte lontano’, in esclusiva per gli abbonati alla piattaforma televisiva Loft. Alessandro ci porta nei luoghi oscuri della guerriglia: Raul voleva mostrarmi quanto fosse difficile vivere tra liane che sembrano serpenti e milioni di zanzare”, dice l’ex parlamentare. Tredici anni fa, fu accolto proprio da Raul, nella casa di Nuevo Horizonte. Lì si stabilì una comunità di ex guerriglieri: “Dopo la firma dell’accordo di pace con l’esercito guatemalteco, decisero di vivere insieme coltivando la terra, con la voglia di deporre le armi e continuare la rivoluzione col lavoro collettivo”, ricorda Di Battista. Prima di sbarcare a Nuevo Horizonte, i guerriglieri hanno attraversato l’inferno della guerra. Raul ha imbracciato il fucile a 14 anni, la sua è una famiglia di combattenti: “Tutti i suoi fratelli erano impegnati nel conflitto – racconta il leader cinquestelle -. Il più piccolo è morto in battaglia, poco prima della firma della pace. Il figlio di Raul è nato nella giungla mentre lui era al fronte”. Durante la guerra, l’esercito obbligava i civili a combattere: “Per questo – dice Di Battista – ho sempre trovato la guerra guatemalteca come una forma di legittima difesa”. E’ anche per merito dei guerriglieri, se Di Battista ha scoperto la politica: “Raul è un esempio perché ha lottato tutta la vita affinché la povertà venisse sconfitta”.
Oggi la guerra è finita, ma i morti continuano. Come a La Libertad, una delle città più pericolose del Guatemala: “Terra di conquista del narcotraffico, del latifondo, delle imprese petrolifere straniere e di gruppi di sicari collegati all’agrobusiness”. Per fortuna c’è il tempo di festeggiare il primo compleanno del piccolo Andrea, con i clown in maschera. “Io li odio”, ammette l’ex parlamentare.

L’Orizzonte lontano’ è un format realizzato e prodotto in esclusiva per la piattaforma televisiva Loft. Le 6 puntate sono disponibili per gli abbonati su www.iLoft.it.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Balle Spaziali, Marco Travaglio smonta tre fake news: è vero che il 5 Stelle Dall’Osso è passato a Forza Italia in nome dei diritti dei disabili?

prev
Articolo Successivo

Disobbedienti, su Loft il racconto della borsista del caso Bellomo: “Io gli ho detto ‘no’, ma lui mi ossessionava”

next