Nel Sud Italia il Pil pro capite è inferiore del 45% rispetto a quello del Centro-Nord. I nuovi dati Istat della contabilità regionale e provinciale fanno emergere una forte disparità tra le macro-regioni italiane, con un valore per abitante che nel 2017 ha registrato nel Nord-Ovest il dato più elevato – pari a 35,4mila euro – contro i 34,3mila euro del Nord-est e a i 30,7mila euro nel Centro. Ma il differenziale negativo del Mezzogiorno resta estremamente ampio: al Sud il livello del Pil pro capite nel 2017 è di 18,5mila euro, inferiore del 45% rispetto a quello del Centro-Nord (del 44,1% nel 2016). In termini di reddito disponibile per abitante il divario scende al 35,3%. Il valore in termini assoluti è più alto è a Bolzano, il minimo in Calabria.

Ad accentuare la disparità anche l’andamento della crescita del Pil che nel 2017, a fronte di un dato nazionale di +1,6% rispetto all’anno precedente, mostra – secondo l’Istat – un incremento del 2,2% nel Nord-ovest, dell’1,9% nel Nord-est, dell’1% nel Mezzogiorno e dello 0,9% al Centro. Il bilancio post-crisi mostra come tra il 2011 e il 2017 le aree che hanno subito le diminuzioni del Pil più marcate sono il Mezzogiorno (-0,5% medio annuo) e il Centro (-0,4%). Nel Nord-ovest si registra una sostanziale stabilità mentre il Nord-est è l’unica ripartizione a segnare un incremento (+0,3%). Stessa divergenza per la spesa pro capite per consumi finali delle famiglie che a prezzi correnti nel 2017 è stata di 20.400 euro nel Nord-ovest, 20.200 euro nel Nord-est, 18.300 euro al Centro e 13.300 euro nel Mezzogiorno. Il divario negativo tra Mezzogiorno e Centro-nord in questo caso è del 32,4%.

Nel periodo 2011-2017 la migliore performance dell’occupazione si riscontra nel Lazio (+0,8%). L’evoluzione è negativa in Molise, Umbria e Sicilia, con un calo degli occupati di circa lo 0,6% annuo. Il reddito disponibile per abitante, misurato in termini nominali, nel 2017 è pari a 21,9mila euro nel Nord-ovest, 21,4mila euro nel Nord-est, 19,5mila euro nel Centro e 13,7mila euro nel Mezzogiorno. La graduatoria delle regioni per livello di reddito disponibile pro capite nel 2017 vede al primo posto la Provincia Autonoma di Bolzano, con 25mila euro, e all’ultimo la Calabria, con 12,7mila euro. Nel 2017, il reddito disponibile cresce dell’1,6% a livello nazionale; l’aumento è inferiore alla media al Centro e nel Mezzogiorno (+1,4% e +1,5% rispettivamente) e superiore nel Nord-ovest e nel Nord-est (+1,7% e +1,9%). Nel 2016 Milano è la provincia con il livello di valore aggiunto per abitante più elevato (47,1mila euro), segue Bolzano (38mila). All’ultimo posto si colloca Agrigento con 13,2mila euro, conclude l’Istat.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Manovra, Conte dopo incontro con Juncker: “Deficit/pil cala a 2,04%”. Ue: “La Commissione valuterà la proposta”

prev
Articolo Successivo

Germania, rivisto al ribasso il Pil: nel 2018 crescerà solo dell’1,5%. Era previsto il 2%

next