Emanuele Tiberi, 29 anni, è morto a fine luglio scorso a causa di un pugno che gli diede un amico, Cristian Salvatori, 32 anni, fuori da un locale di Norcia (Perugia). I contorni della vicenda erano sempre rimasti nebulosi fin quando nei giorni scorsi è stata depositata una perizia disposta dalla Procura di Spoleto sui cellulari dei ragazzi presenti al momento del fatto.

Il tecnico incaricato ha estratto alcuni messaggi e frame di video dagli smartphone dei giovani ed è emerso che quella notte i due giovani erano impegnati in un “gioco mortale”. “Daje, daje” si sente in un passaggio di un video: un capannello di persone fa il tifo per i due ragazzi che si picchiano. Dalle chat whatsapp recuperate emerge che la vittima colpì per primo con il palmo della mano Savatori, il quale poi reagì con un pugno fortissimo che causò la morte di Tiberi. Salvatori è in carcere da allora con l’accusa di omicidio preterintenzionale, ha chiesto di poter tornare in libertà, al Tribunale del Riesame, tramite i suoi avvocati Francesco Crisi e David Brunelli.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Catania, lancia a terra figlio di 3 mesi: arrestata. Aveva detto che era caduto

prev
Articolo Successivo

Crotone, dottoressa aggredita con un cacciavite davanti all’ospedale: salvata da un venditore ambulante

next