È stato arrestato con l’accusa di violenza domestica Michael Avenatti, il legale di Stormy Daniels, la pornostar che sostiene di aver ricevuto 130mila dollari in cambio del suo silenzio su un rapporto con il presidente degli Stati Uniti Donald Trump. “Degli agenti del Los Angeles Police Department hanno arrestato Michael Avenatti per sospetti di violenze domestiche. Si tratta di un’indagine in corso e daremo ulteriori dettagli a tempo debito”, ha twittato la polizia di Los Angeles, confermando un’informazione data inizialmente dal sito Tmz. Il celebre avvocato è stato rimesso in libertà qualche ora dopo, dietro pagamento di una cauzione di 50mila dollari.

Avenatti ha formalmente smentito di avere avuto comportamenti reprensibili: “Non ho mai commesso abusi fisici in tutta la vita e neanche ieri sera (martedì ndr.)”, ha affermato in un comunicato trasmesso dal suo studio legale, in cui denuncia “accuse del tutto inventate e miranti a minare la sua reputazione“. In California le accuse di “violenze domestiche” sono passibili di quattro anni di carcere in caso di condanna.

Non è chiaro chi abbia avanzato la denuncia. Le indiscrezioni iniziali riportate da Tmz parlavano di accuse avanzate dalla ex moglie. Poi però lo stesso rotocalco ha corretto il tiro riferendosi più genericamente a una donna con il viso evidentemente segnato da violenze. “Conosco Michael da 26 anni, ci siamo incontrati che lui ne aveva 21 e siamo stati sposati per 13 anni. Michael è sempre stato un bravo padre per le nostre due figlie. Non è stato mai violento né con me né con altri”, afferma Christine Avenatti-Carline, la prima moglie di Avenatti.

Il legale di Stormy Daniels è nel mezzo di un divorzio difficile con Lisa-Storie Avenatti che, tramite il suo legale, fa sapere di non aver mai visto “Michael essere violento nei confronti di nessuno”. L’incidente si va ad aggiungere ai guai che si sono ultimamente succeduti per Avenatti: da quando ha manifestato il suo interesse per sfidare Trump nel 2020, il legale ha perso in tribunale una causa contro un ex collega al quale deve ora 4,85 milioni di dollari. E la ex moglie gli ha chiesto 215.643 dollari al mese per il mantenimento.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Khashoggi, Riad condanna 5 persone a morte per l’omicidio. E scagiona il principe ereditario

prev
Articolo Successivo

Libia, uno spiraglio da Palermo. Ma la strada è ancora lunga

next