Ha appena vinto il titolo mondiale, ma ancora non si ferma. Marc Marquez scatterà dalla pole anche nel Gran Premio di Australia, terz’ultima prova della MotoGp. Per lo spagnolo si tratta della sesta pole stagionale, la quinta consecutiva. Sul circuito di Phillip Island, bagnato da una leggera pioggia, con la sua Honda ha fermato il cronometro a 1’29.199, precedendo di ben 310 millesimi il connazionale della Yamaha Maverick Vinales e di 506 millesimi il francese Johann Zarco (Yamaha Tech3). In seconda fila, staccato di 513 millesimi, il migliore degli italiani, Andrea Iannone. Ottima la prova anche dell’altra Suzuki, con Alex Rins quinto. Jack Miller con la Ducati dell’Alma Pramac Racing è settimo.

Apre la terza fila invece Valentino Rossi che questa volta ha fatto peggio del suo compagno e ha girato un secondo più lento di Marquez. Accanto a lui scatteranno altri due italiani su Ducati: Danilo Petrucci e Andrea Dovizioso, solo nono a 1.320. Chiude la top ten il malese Hafizh Syahrin.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Pd, dal cugino di Gentiloni ai giovani dem: gli uomini di Zingaretti per scalare il partito. Con stipendio della Regione Lazio

prev
Articolo Successivo

MotoGp Australia, Yamaha torna a gioire con Vinales. Iannone-Dovizioso sul podio. Marquez e Zarco: scontro a 300 km/h

next