Raikkonen primo, Hamilton terzo. Tradotto: per l’inglese della Mercedes l’appuntamento con la vittoria del titolo mondiale di Formula 1 è rimandato. Il finlandese della Ferrari ha rovinato la festa del campione del mondo in carica grazie a una gara perfetta, che lo ha portato al traguardo davanti all’olandese Max Verstappen su Red Bull e, appunto, a Lewis Hamilton. Quarto posto per Sebastian Vettel sull’altra Ferrari, davanti alla seconda Mercedes del finlandese Valtteri Bottas. Per Raikkonen è il 21esimo successo in carriera in F1, il finlandese non vinceva dal Gran Premio di Australia del 2013. Tagliato il traguardo Vettel ha ringraziato Raikkonen nel Team Radio: “Grazie Kimi, grande”. Con questo risultato, infatti, la lotta per il Mondiale resta ancora aperta anche se Hamilton resta ampiamente in vantaggio sul tedesco. Prossimo appuntamento e secondo match point per l’inglese, domenica prossima con il Gran Premio del Messico.

“È stato un gran weekend, la macchina è andata bene per tutto il tempo. Sono partito bene, dovevo spingere al massimo, le gomme alla fine non erano al massimo ma siamo riusciti a mantenere la posizione e ce l’abbiamo fatta”: Kimi Raikkonen ha commentato così la vittoria ad Austin. “Sono molto più contento di vincere che arrivare secondo, magari più tardi festeggeremo un po’. Abbiamo vinto tutti insieme e sono contento per tutta la gente che mi ha sostenuto”, ha aggiunto il finlandese con la sua solita freddezza.

Congratulazioni a Kimi Raikkonen che ha fatto una grande partenza e una gestione perfetta, ha fatto un lavoro fantastico senza commettere errori. Io ho faticato, speravo di poter far meglio alla fine ma non è stato possibile“. Parola di Lewis Hamilton, che poi ha aggiunto: “Alla fine abbiamo combattuto un po’ con Verstappen, che è sempre piacevole, ma ora pensiamo alla prossima gara. Sono contento, la Ferrari si è ripresa alla grande e dobbiamo spingere anche la prossima settimana”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ferrari: quanto ci manchi, Marchionne

prev
Articolo Successivo

Vera Caslavska, 50 anni fa la protesta della ginnasta che chinò la testa senza arrendersi mai

next