Il vicepresidente del Consiglio, Luigi Di Maio, era a Figline Valdarno, in provincia di Firenze, per incontrare i lavoratori della Bekaert, ai quali ad agosto aveva promesso che sarebbe tornato qualora si fosse risolta positivamente la vertenza con la multinazionale belga che aveva annunciato la chiusura dello stabilimento toscano. Prima di entrarvi, Di Maio ha scambiato alcune battute con uno dei lavoratori. “Quando ho visto che Sting era da voi per ascoltare le vostre storie, ho pensato: ‘sono dei grandi’” ha detto il ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Manovra, Moscovici: “Deficit al 2,4% desta preoccupazione all’Europa, ma non siamo contro l’Italia”

prev
Articolo Successivo

Pace fiscale, Giorgetti: “Se si attacca chi tiene in piedi la baracca, il governo non va molto lontano. Si schiantano loro”

next