Il vicepresidente del Consiglio, Luigi Di Maio, era a Figline Valdarno, in provincia di Firenze, per incontrare i lavoratori della Bekaert, ai quali ad agosto aveva promesso che sarebbe tornato qualora si fosse risolta positivamente la vertenza con la multinazionale belga che aveva annunciato la chiusura dello stabilimento toscano. Prima di entrarvi, Di Maio ha scambiato alcune battute con uno dei lavoratori. “Quando ho visto che Sting era da voi per ascoltare le vostre storie, ho pensato: ‘sono dei grandi’” ha detto il ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Manovra, Moscovici: “Deficit al 2,4% desta preoccupazione all’Europa, ma non siamo contro l’Italia”

next
Articolo Successivo

Pace fiscale, Giorgetti: “Se si attacca chi tiene in piedi la baracca, il governo non va molto lontano. Si schiantano loro”

next