Lil C-Note è un giovane rapper di 12 anni, molto noto negli Usa. Nelle scorse ore è stato arrestato da un poliziotto per aver venduto i suoi cd all’interno di un centro commerciale di Atlanta. L’atteggiamento dell’agente è subito stato molto energico. Mentre il poliziotto teneva il ragazzino bloccato per un braccio la zia del giovane – mentre riprendeva con il cellulare – ha iniziato a protestare, pregando l’agente di parlare con il padre del giovane al cellulare. L’agente non sente ragioni e alla fine scaraventa la donna a terra. Il ragazzino viene portato in carcere e rilasciato dopo l’intervento del padre. La zia denunciata. E sul comportamento del poliziotto è stata avviata un’inchiesta

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Usa, Guantanamo resterà aperta per altri 25 anni. Donald Trump cancella un’altra decisione di Barack Obama

next
Articolo Successivo

Jamal Khashoggi, media turchi: “Il giornalista è stato torturato, decapitato e poi fatto a pezzi. Morto in 7 minuti”

next