“Venite qui, parliamoci, costruiamo insieme una nuova scuola”. E’ l’appello agli studenti del ministro dello Sviluppo economico e del Lavoro Luigi Di Maio che su Facebook premette che “le manifestazioni si devono fare sempre, so bene quale è il valore di una pressione sociale pacifica, ho fatto il rappresentante degli studenti per cinque anni. Ma non è vero che tagliamo a scuole e università. Vediamoci per un confronto”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Juncker: “L’Italia non mantiene la parola. Roma ha avuto flessibilità e per questo ho avuto scocciature da altri Stati Ue”

prev
Articolo Successivo

Stefano Cucchi, la battaglia per la verità è anche di destra

next