Gli operai della Fca di Pomigliano d’Arco che giovedì sono saliti sul tetto della sede del I municipio di Roma per protestare contro il licenziamento, “grazie ai decreti di Minniti e Salvini vengono trattati come violenti pericolosi e per due anni non potranno entrare a Roma”. La denuncia arriva da Maurizio Acerbo, segretario nazionale Rifondazione comunista, e Giovanni Russo Spena, responsabile diritti e democrazia del partito.  “Massima solidarietà a Mimmo Mignano, Massimo Napolitano e Antonio Barbati, i compagni di Pomigliano che oggi sono stati fermati a Roma, portati in commissariato e poi oggetto di un Daspo di 2 anni”, si legge nel comunicato del Prc. “Ormai è vietato pure salire sui tetti per protestare contro i licenziamenti”, scrivono Acerbo e Spena.

Gli operai hanno protestato contro il licenziamento di cinque lavoratori che nel 2014 avevano inscenato il funerale dell’ad Sergio Marchionne davanti ai cancelli dello stabilimento di Pomigliano. Uno dei manifestanti è Mimmo Mignano, tra i licenziati, che lo scorso 6 giugno aveva minacciato di darsi fuoco sotto la casa del ministro del Lavoro, Luigi Di Maio, per chiedere il suo intervento. “Gli operai hanno calato uno striscione dalla scritta: “Fiat, Di Maio tu dove stai?”. “Il ministro era venuto anche a trovarmi in ospedale a Nola, ma sono 5 mesi che non abbiamo notizie sulla nostra situazione”, ha detto giovedì Mignano.

Venerdì, raccontano Acerbo e Spena, gli operai sono stati portati in commissariato e poi raggiunti da Daspo. “Siamo di fronte a una vergognosa criminalizzazione della protesta sociale”, si legge nella nota. “Al licenziamento di rappresaglia deciso da Marchionne ora si aggiunge la violenza istituzionale di una politica che – col Pd come con i gialloverdi – punta a impedire l’espressione del conflitto sociale”. “Questa vicenda chiarisce che i decreti Minniti e Salvini non sono puntati solo contro gli immigrati ma contro le libertà e i diritti di tutti“, sostiene Rifondazione comunista. “La circolare di Salvini alle questure non serve a combattere la criminalità organizzata ma i cittadini che protestano“, e “grazie all’accordo Raggi-Salvini, Roma è diventata la capitale degli sgomberi e della repressione“, concludono Acerbo e Spena.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Lodi, 200 bambini stranieri esclusi dalla mensa per regolamento del sindaco leghista. Il reportage di Piazzapulita

prev
Articolo Successivo

Firenze, falsa mima espulsa: aveva già un provvedimento di allontanamento

next