“Comprare un’arma per difendermi non è nella mia cultura. Si possono avere delle accortezze come una serratura migliore o un allarme ma la sera non metterò mai un’arma sul comodino per difendermi da qualcuno”. Lo ha detto Carlo Martelli ai microfoni del Tg2000, il telegiornale di Tv2000, a due settimane dal brutale pestaggio ad opera di una banda di rapinatori subìto insieme alla moglie nella sua villa a Lanciano.

“Anche se avessi avuto un’arma – ha proseguito Martelli – in quella occasione non sarei riuscito a difendermi perché mi hanno picchiato mentre dormivo. Se avessi avuto un’arma nella loro incoscienza avrebbero anche potuto spararmi o sparare a mia moglie invece di tagliarle l’orecchio. Oggi è cambiato il mondo ma ciò non toglie che si deve diventare una belva come i miei aggressori”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Udine, indagine per voto di scambio alle ultime comunali. Procura: “Solo accertamenti, Sindaco non è coinvolto”

prev
Articolo Successivo

Pisa, la giunta di destra si spacca sulla moschea. Lega: “Chi la vuole si deve dimettere”

next