Inseguito dalla polizia, ha tentato di scappare calandosi dal terrazzo di uno stabile, ma è caduto ed è morto. È quanto accaduto all’alba di questa mattina, 15 settembre, in via Taverna del Ferro, nel quartiere San Giovanni a Teduccio a Napoli. L’uomo, 31enne pregiudicato della zona, si trovava agli arresti domiciliari per reati contro il patrimonio. Notata una volante del Commissariato San Giovanni impegnata nei servizi di controllo del territorio finalizzati a contrastare il fenomeno delle “stese” – raid con esplosione di colpi in aria – si è dato alla fuga. Soccorso dai sanitari del 118, è morto poco dopo essere arrivato all’ospedale Cardarelli.

Dalle ricostruzioni fornite dalla polizia, l’uomo, alla vista dei militari è prima scappato in un parco scavalcando un’inferriata, per poi sfondare il portone di uno stabile per cercare riparo all’interno. Raggiunto il terrazzo, riporta la polizia, l’uomo ha tentato di scappare calandosi dall’edificio servendosi di alcuni cavi che però si sono spezzati. Gli agenti, in quel momento, erano all’esterno dell’edificio in attesa dei rinforzi. Nell’ispezione della zona, i militari hanno ritrovato, dentro un’auto vicino lo stabile, un revolver con matricola abrasa pronto all’uso, attualmente al vaglio della Polizia scientifica.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Papa Francesco ricorda don Pino Puglisi e attacca i mafiosi: “Convertitevi, o la vostra vita andrà persa”

prev
Articolo Successivo

Migranti, 130 tunisini trasferiti a Trapani da Lampedusa. Viminale: “Rimpatrio lunedì”. Tunisi: “No a modifica accordi”

next