Ospite d’onore della “Festa della Sinistra” a Reggio Calabria, Massimo D’Alema non perde l’occasione per dire la sua sul governo a guida M5s-Lega. “È la somma di due diversi populismi. Le promesse della Lega e del Movimento cinque stelle non avevano fondamento. Hanno dichiarato guerra ai mercati, ai privilegi e all’Unione europea che, ovviamente sono perfettamente in grado di difendersi. Gli unici che sono stati bastonati sono gli immigrati. Contro i poveracci il governo ha dimostrato tutta la sua capacità di cambiamento. Al di là delle chiacchiere del simpatico Di Maio, chi comanda è Salvini”. A proposito del leader della Lega, D’Alema ha aggiunto: “Non voglio neanche rimproverarlo Salvini perché non sa neanche quello che dice. Mi preoccupano gli italiani che gli vanno dietro”. A margine della festa in riva allo Stretto, l’ex presidente del Consiglio ha commentato anche la sentenza del Riesame che ha confermato il sequestro dei 49milioni di euro alla Lega. E a Salvini che ha ostentato tranquillità dicendo “gli italiani sono con me”, D’Alema ha replicato: “È un discorso del cavolo. La magistratura non partecipa alle elezioni. Non si vota sulle sentente ma si eseguono in un Paese civile”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ddl anticorruzione, Di Maio: “Norme sulla trasparenza si applicano sia a partiti sia a donazioni. Niente più privacy”

prev
Articolo Successivo

Salvini: “Ddl Anticorruzione? Giusto ma va cambiato. Non possiamo mettere italiani alla mercé del primo giudice che passa”

next