IFA 2018 ha confermato una tendenza emersa chiaramente negli ultimi anni, ovvero la voglia degli utenti di avere a disposizione una casa connessa. Lo sa bene Haier, attiva un po’ in tutti i settori dell’elettronica di consumo, con una particolare predilezione per il mondo degli elettrodomestici. Proprio questi ultimi sono stati i protagonisti dello stand realizzato dall’azienda cinese in occasione della fiera tedesca, all’interno del quale l’attenzione è stata focalizzata soprattutto su due prodotti.

Innanzitutto, Haier F+. All’apparenza un classico frigorifero, ma che in realtà integra una serie di tecnologie di ultima generazione per aumentare esponenzialmente i tempi di conservazione degli alimenti (fino a 8 volte più a lungo di un frigorifero tradizionale) e ridurre così gli sprechi. Esempi concreti sono i due scompartimenti che l’azienda cinese ha denominato, rispettivamente, Antioxidant Zone e Fast Freezing Zone.

Nella prima sezione c’è un controllo costante dei livelli di ossigeno (che viene aspirato quando in eccesso), così da poter preservare i sapori e, soprattutto, le proprietà nutrizionali di frutta e verdura. La Fast Freezing Zone invece, come suggerito anche dal nome, è stata pensata per il congelamento rapido del cibo, che in poco tempo viene portato a -30°C – un processo che elimina i batteri e aumenta la vita degli alimenti.

L’interno di Haier F+ è inoltre dotato di sensori a infrarossi, in grado di individuare la tipologia di alimenti presenti su ogni singolo ripiano e raffreddarli adeguatamente in base alle loro caratteristiche. Tutto è mosso dal compressore Dual Inverter, garantito per 12 anni, in grado di adeguare il proprio lavoro a seconda del carico, evitando dunque il classico ciclo on/off, spesso troppo rumoroso.

Tutta questa tecnologia non ha comunque impedito all’azienda cinese di curare la parte estetica. Haier F+ è infatti dotato di porte in vetro e finiture in metallo, con tanto di display LED integrato. Del resto, i frigoriferi sono ormai diventati dei veri e propri complementi d’arredo nelle moderne cucine – apparecchi insomma da mettere in mostra. Certo, per questo particolare modello saranno necessari 4.000 euro, con disponibilità sul mercato italiano prevista da marzo 2019.

Accanto al frigorifero, impossibile non citare Haier Super Drum. Si tratta di una lavasciuga con capacità di carico pari a 10 Kg per il lavaggio e 6 Kg per l’asciugatura. Dotata di cestello XXL con 60,1 cm di diametro, è in grado di lavare e asciugare con ciclo continuo fino a 6 + 6 Kg di bucato. Funzionalità che possono tornare estremamente utili nell’utilizzo quotidiano di un elettrodomestico di questo tipo, anche se la vera particolarità del prodotto risiede nelle tecnologie smart integrate.

Le prime due riguardano il lavaggio in senso stretto. Da una parte infatti c’è il programma i-Refresh che, sfruttando il microvapore, elimina odori e riduce le pieghe su tutti quegli indumenti che magari non hanno bisogno di un lavaggio vero e proprio. Dall’altra Haier ha sviluppato Smart Dosing, un sistema grazie al quale questa Super Drum è in grado di dosare automaticamente la quantità di detersivo e ammorbidente, riducendo dunque i consumi e l’impatto ambientale.

La terza è Amazon Dash Replenishment, ovvero un sistema in grado di ordinare automaticamente il detersivo e l’ammorbidente quando è necessario, ovviamente attraverso il gigante dell’e-commerce. L’obiettivo, come sempre in questi casi, è quello di semplificare la vita all’utente, facendogli risparmiare tempo che potrà essere impiegato in altre attività. L’arrivo sul mercato è previsto nel primo quadrimestre del 2019.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Capcom, al Gamescom abbiamo provato Devil May Cry 5 e Resident Evil 2 HD

prev
Articolo Successivo

Rousseau e gli hacker. La sicurezza informatica in Italia è una chiacchiera

next