Lo hanno ritrovato riverso in una pozza di sangue nel garage della sua abitazione nel rione Canadà, a Vercelli. L’uomo – Antonello Bessi, 57 anni – aveva una piccola attività di riparazione di biciclette nella zona della casa in via Walter Manzone dove è stato rinvenuto dalla polizia, poco prima di mezzogiorno. Secondo i primi riscontri è stato ucciso con almeno 10 coltellate.

Agenti hanno raccolto le prime testimonianze dei vicini di casa e cercato nei cassonetti della zona l’arma del delitto. Sul posto è intervenuto anche il pm Francesco Albino.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Vibo Valentia, mediatore culturale ucciso: arrestati padre e figlio

prev
Articolo Successivo

The Voice, la finalista Asia Sagripanti investe e uccide un ciclista: “Colpa di una vespa”

next