L’Aquarius, la nave operata da SOS Mediterranèe in partnership con Medici senza Frontiere,è rientrata a Marsiglia, dopo una situazione di stallo durata più una settimana al largo delle coste della Tunisia e con a bordo cinque tunisini salvati. A Malta, intanto, tre navi di altre ong rimangono bloccate in porto: Lifeline, Sea-Watch e Seefuchs. La MV Lifeline resta sotto sequestro: il comandante sta affrontando un procedimento sulla registrazione della nave: la sentenza è prevista per l’11 settembre. Anche le altre due restano bloccate in porto: “Non ci fanno uscire. Ma non ci danno alcuna ragione: semplicemente non ci possiamo muovere”, spiega Malo Castillon di Sea-Watch.