Dopo Ben Affleck, anche l’ex Spice Girls Mel B entrerà in rehab per curare un PTSD, ovvero un disturbo da stress post-traumatico che l’ha portata ad avere dipendenze da sesso e da alcol. Il trauma in questione per l’ex Spice e giudice di America’s Got Talent si chiama Stephen Belafonte ed è il suo ex marito, accusato dalla cantante di violenze domestiche ma assolto per mancanza di prove concrete.

Fonti vicine alla cantante hanno rivelato infatti al tabloid britannico The Sun che Mel B da mesi era fuori controllo: beveva sempre vodka e tequila e si era scatenata anche in camera da letto, facendo sesso spesso con tre uomini nello stesso giorno. Belafonte, accusato dall’ex Spice di comportamenti violenti sia fisicamente sia psicologicamente, ha “giocato” la sua difesa proprio su queste debolezze dell’ex moglie, dichiarando la sua dipendenza da cocaina e da alcol. Mel B non nega: “Sono molto onesta, bevo per intorpidire il mio dolore, ma questo è solo un modo in cui molte persone mascherano ciò che sta realmente accadendo…”. Ed è per questo che ha deciso il ricovero in rehab: “A volte è troppo difficile sopportare tutte le emozioni che provo, ma il problema non è mai stato il sesso o l’alcol, il problema è sotto tutto questo…”.

Mel B entrerà in clinica il prossimo mese e al Sun racconta i problemi legati alla sua salute psichica. Il divorzio da Belafonte è stato finalizzato dal tribunale poche settimane fa e non certo a favore dell’ex Spice, che dovrà infatti versare 5mila dollari al mese all’ex marito per il mantenimento della figlia in comune Madison (nata nel 2011) e 15mila dollari al mese di alimenti. Per non parlare delle spese legali e di alcune tasse non pagate nel 2016 non corrisposte. Una vera batosta finanziaria per l’ex Spice Girls che, reduce da mesi di battaglie legali, non ha retto a quest’ultimo colpo e ha così deciso il ricovero: “Lo faccio per i miei figli, oltre che per me…”., ha dichiarato.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Maria De Filippi rivela: “Ringrazio Belen Rodriguez, tre anni fa mi ha cambiato la vita”

next
Articolo Successivo

Fabio Rovazzi, parla la mamma: “Il successo ha cambiato il nostro modo di stare insieme”

next