È un mezzo a due ruote decisamente speciale quello messo a punto da Tarso Marques, ex pilota di Formula 1 (ha preso parte a 24 Gran Premi con la scuderia Minardi) e Formula Indy: si chiama TMC Dumont Concept ed è una moto che unisce un design futuristico, che mette al centro l’essenzialità delle forme, a un poderoso motore V6 di derivazione aeronautica by Rolls-Royce.

Inutile cercare dei riferimenti estetici o delle proporzioni assimilabili alle odierne motociclette: se non fosse per le due (maxi) ruote e la piccola sella, sarebbe pressoché impossibile categorizzare il veicolo. Le dimensioni, poi, sono imponenti: la TMC Dumont Concept è praticamente lunga come un’automobile. La sella, invece, si trova a pochi centimetri da terra, con la ruota posteriore che fa il pelo alla schiena del pilota. Soluzioni tecniche e stilistiche che hanno permesso al prototipo di aggiudicarsi pure un premio durante la Daytona Bike Week, celebre evento dedicato alla customizzazione motociclistica.

Posizionato al centro del telaio scalpita il grosso V6 endotermico da 300 Cv di potenza massima, all’apice del quale è posizionato il manubrio della moto. La particolare configurazione del mezzo lo rende adatto a essere guidato esclusivamente su strade che siano lisce come un tavolo da biliardo: l’altezza da terra, infatti, è millimetrica e non sembrano essere presenti organi di sospensione/ammortizzamento che abbiano una reale funzionalità. E, per dirla tutta, nemmeno affrontare le curve sembra essere facilissimo…

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Citroën 2CV, la “Lumaca di Latta” compie settant’anni – FOTO

prev
Articolo Successivo

Bmw Z4, quella nuova torna all’antico con la capote in tela – FOTO

next