Il vicino di casa era infastidito dal fumo del suo barbecue e l’ha ucciso. Ha confessato il delitto agli inquirenti Pietro Billitteri, incensurato di 59 anni, che la scorsa notte ha sparato a Cosimo D’Aleo, 42enne che abitava al piano terra. I due, residenti in una palazzina a Palermo in via Sferracavallo 130, litigavano di continuo da mesi per questioni di vicinato. “Faceva il barbecue per strada e impuzzava il mio terrazzo”, ha detto Billitteri agli inquirenti durante l’interrogatorio, dopo essere stato fermato nella notte in un magazzino alla Marinella a Palermo.

D’Aleo è morto sul colpo e quando le volanti della polizia sono arrivate sul posto l’hanno trovato riverso in una pozza di sangue. Billitteri – anche secondo alcuni testimoni- si è lamentato del fumo che dalla strada saliva fino a casa sua poi è andato nel suo appartamento ha preso una pistola e ha sparato al vicino. Quindi è fuggito a bordo della sua Ford Fiesta ritrovata in via Verne. I poliziotti l’hanno fermato con l’accusa di omicidio. Per tutta la notte gli investigatori hanno ascoltato parenti e amici dei due per ricostruire l’esatta dinamica dei fatti.

(foto d’archivio)

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Frosinone, pensionato uccide i figli di 26 e 18 anni e si suicida: gli ha sparato nel sonno

prev
Articolo Successivo

Parma, “donna uccisa dal vicino di casa”: picchiata, strangolata e alcoltellata alla gola durante un litigio

next