C’è un arresto per l’accoltellamento di Morena, la 19enne aggredita nel primo pomeriggio di oggi 7 agosto, sul Lungomare di Napoli. Si tratta dell’ex fidanzato, Antonio Bocchetti, con precedenti non legati al crimine organizzato. L’accusa per il 25enne è di tentato omicidio aggravato. La ragazza ricoverata all’ospedale di Loreto Mare è grave ma non è in pericolo di vita.

Antonio e Morena fino a qualche tempo fa stavano insieme, di recente però, i due si erano lasciati. La ragazza che aveva messo la parola fine alla relazione, aveva un altro partner. L’aggressione è avvenuta oggi pomeriggio sul lungomare di Napoli quando Antonio Bocchetti ha visto Morena in compagnia del nuovo compagno. Nessuna lite, nessuna colluttazione. Secondo quanto ricostruito dagli investigatori l’azione si è svolta in maniera rapida. L’intervento dei presenti ha messo in fuga il ragazzo che si è diretto verso il Consolato Americano, poco distante dal lido dove è avvenuto il fatto. Qui un vigilante in servizio lo ha indicato a una pattuglia dei carabinieri che passava di lì, che lo ha bloccato. Addosso aveva ancora i segni dell’aggressione: era tutto sporco di sangue. Poco distante è stato ritrovato il coltello utilizzato per colpire la ragazza di cui l’aggressore si era liberato durante la fuga.

Una volta arrestato Antonio Bocchetti è stato condotto a Poggioreale. Mentre la giovane, che ha riportato ferite sul corpo, agli arti e a un polmone, resta in prognosi riservata al Loreto Mare. I due a maggio dello scorso anno avevano avuto anche un bambino.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Reggia di Caserta, in pensione Felicori il direttore dei record. E le procedure per il sostituto riguardano anche gli Uffizi

prev
Articolo Successivo

Vaccini, insulti contro l’infettivologo Bassetti. Si era schierato contro il rinvio dell’obbligo

next