Il controllo ha dato esito favorevole e i medici hanno dato l’ok: Daisy Osakue potrà partecipare agli Europei di Berlino. La discobola azzurra, che nella notte di domenica 29 luglio a Moncalieri era stata colpita a un occhio da un uovo lanciato da una macchina con a bordo tre giovani, è stata sottoposta questa mattina a una visita presso l’Istituto di Medicina e Scienza dello Sport a Roma. Così è arrivata la buona notizia: la primatista italiana under 23 di lancio del disco farà regolarmente parte della squadra azzurra che domani, sabato 4 agosto, partirà per la rassegna continentale in Germania in programma dal 6 al 12 agosto. “Cascasse il mondo, ma a Berlino vado assolutamente”, aveva dichiarato Osakue nei giorni scorsi.

Nel referto redatto dopo il controllo oculistico cui è stata sottoposta l’atleta azzurra, il direttore sanitario dell’istituto del Coni, Antonio Spataro, ha parlato di “un miglioramento del quadro clinico che consente la sospensione progressiva della terapia cortisonica e la partecipazione ai campionati Europei di atletica a Berlino”.  Il problema che aveva fatto temere la mancata partecipazione della discobola era infatti proprio l’eccessiva quantità di cortisone necessaria per curare la ferita. “Malgrado ci possa essere l’esenzione, è talmente in quantità eccessiva che non potrebbe averla”, aveva spiegato il presidente del Coni Giovanni Malagò. Un rischio che però è stato scongiurato.

Gli esiti delle analisi arrivano il giorno dopo l’identificazione dei tre aggressori italiani che abitano tra Vinovo, La Loggia e Moncalieri. I carabinieri di Torino giovedì mattina sono riusciti a dare un nome e un volto ai 19enni che a bordo della Fiat Doblò intestata al padre di uno di loro hanno lanciato l’uovo contro Osakue. Uno di loro è figlio di Roberto De Pascali, consigliere Pd del comune di Vinovo ed ex candidato sindaco. I ragazzi hanno spiegato ai carabinieri di aver agito solo “per goliardia”. Sono stati tutti denunciati per lesioni e omissione di soccorso.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Milano, tenta di violentare una ragazza in stazione ma lei usa lo spray al peperoncino e riesce a fuggire: arrestato. Il video

prev
Articolo Successivo

Reggia di Caserta, tedesco fa il bagno nudo nella peschiera grande: denunciato per atti osceni in luogo pubblico

next