Aveva sventato una rapina al Prestofresco di via Mercadante a Torino, ora quello stesso supermercato ha deciso di premiarlo e ha assunto Ewansiha Osahon, 27enne nigeriano richiedente asilo. Il giovane prima della rapina del 30 giugno scorso chiedeva l’elemosina, ora ha un contratto di apprendistato che durerà per tre anni da 25 ore la settimana, altrettante ore le spenderà dietro ai banchi di scuola, con gli insegnanti del consorzio Abele per imparare la lingua italiana. “Sono felicissimo, con questo lavoro inizia il mio futuro, devo caricare gli scaffali, controllare le scadenze e lavorare in magazzino – racconta con un certo orgoglio a La Repubblica – È il mio primo lavoro vero qui in Italia: non pensavo che il mio gesto, quel sabato mattina, avrebbe portato a tutto questo. Mi ha rivoluzionato la vita”.

Domenica Lauro, direttrice del Prestofresco di via Mercadante, per via di questa scelta ha ricevuto diverse mail che la accusano di falso buonismo, parole a cui non vuole dar peso perché” “ho 70 dipendenti e sono tutti italiani – spiega – Questo odio razziale non porta da nessuna parte”. Lauro ha aiutato Osahon a rinnovare il suo permesso di soggiorno in questura a Caserta e lo ha fatto iscrivere al centro per l’impiego affinché per il neoassunto fosse tutto in regola.

Il 27enne nigeriano il giorno della rapina si trovava davanti al punto vendita di via Mercadante per chiedere la carità, quando aveva visto il rapinatore minacciare la cassiera con un coltello e aveva cercato di fermarlo. L’uomo aveva allora tentato di accoltellarlo, poi si era divincolato ed era fuggito prima dell’arrivo dei carabinieri. Le telecamere hanno però filmato tutta la scena permettendo così di risalire a Ermes Simone Marinelli, un torinese di 28 anni, già noto alle forze dell’ordine.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Atac Roma, ok al piano industriale: il tribunale fallimentare ammette il concordato

prev
Articolo Successivo

Droga, dalla Colombia al porto di Livorno la cocaina destinata al clan rom di Latina. Arrestati Luigi Ciarelli e due soci

next