Respinti dal portiere di un hotel in zona stazione Termini, a Roma, per mancanza dei documenti, lo aggrediscono e s’impossessano dell’incasso. Si danno alla fuga ma poi, grazie alle indicazioni della vittima, vengono individuati e sottoposti a fermo dagli agenti di Polizia del commissariato Viminale. Si tratta di una coppia di origini peruviane, 23 anni lui e 20 lei, che dovrà rispondere di rapina aggravata. La vittima, colpita con pugni e la sua stampella utilizzata per deambulare, ha riportato lesioni guaribili in 30 giorni.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Reggio Emilia, ventenne spinta dietro un cespuglio e violentata: è caccia all’uomo

prev
Articolo Successivo

Brindisi, due poliziotti indagati per la morte di un pregiudicato durante scontro a fuoco per sventare una rapina

next