Respinti dal portiere di un hotel in zona stazione Termini, a Roma, per mancanza dei documenti, lo aggrediscono e s’impossessano dell’incasso. Si danno alla fuga ma poi, grazie alle indicazioni della vittima, vengono individuati e sottoposti a fermo dagli agenti di Polizia del commissariato Viminale. Si tratta di una coppia di origini peruviane, 23 anni lui e 20 lei, che dovrà rispondere di rapina aggravata. La vittima, colpita con pugni e la sua stampella utilizzata per deambulare, ha riportato lesioni guaribili in 30 giorni.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Reggio Emilia, ventenne spinta dietro un cespuglio e violentata: è caccia all’uomo

next
Articolo Successivo

Brindisi, due poliziotti indagati per la morte di un pregiudicato durante scontro a fuoco per sventare una rapina

next