Aveva preso il taxi irregolare dopo una serata trascorsa con amici in un locale della movida di Milano. Ma al suo risveglio si era accorta di essere stata violentata dal conducente, che aveva approfittato della sua ubriachezza. Ora, a oltre un mese dai fatti, i carabinieri hanno arrestato un tassista abusivo su ordine del gip del tribunale milanese che ha emesso la misura cautelare su richiesta del procuratore aggiunto Maria Letizia Mannella e il pm Gianluca Prisco, attivatisi dopo la denuncia della giovane.

L’accusa per l’uomo, un egiziano di 61 anni, è di aver stuprato la cliente di 20 anni, che si era rivolta a lui all’uscita della nota discoteca Old Fashion, dove la ragazza aveva passato la serata insieme ad alcuni amici. Come accaduto altre volte, secondo la denuncia, al termine della serata la ragazza ha raggiunto un chiosco lì vicino dove si riuniscono i tassisti abusivi. Lì ha incontrato l’egiziano, vedovo con figli e senza precedenti, del quale aveva il numero di telefono poiché altre volte era stata accompagnata a casa ma sempre in compagnia di altre persone.

Stavolta la 20enne era sola e molto ubriaca, al punto da ricordare solo l’indomani alcuni frammenti della notte. Tra questi c’è la frase che il tassista le ha detto portandola a casa, quando lei ha tentato di pagare la corsa: “Questa volta è gratis”, le ha detto il 61enne, da trenta in Italia. Poi sarebbe scattata la violenza, avvenuta in un parcheggio poco distante dall’appartamento. Gli investigatori hanno svolto accertamenti sui tabulati e hanno atteso gli esiti (risultati positivi) dei test del dna sulla vittima e sulla maglietta.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Venezia, turista derubato scrive una lettera al ladro: “Ho il cancro, è il mio ultimo viaggio, ma ti perdono”

prev
Articolo Successivo

Termoli, Tac fuori uso e ambulanza in ritardo: è morto il 47enne di Larino. Famiglia autorizza espianto degli organi

next