Una sfida: quella di “lasciare il segno nella storia della Juventus”. Che tradotto, a Torino, vuol dire principalmente alzare la Champions League, “un trofeo che tutte le squadre vogliono vincere e spero di poter aiutare il club a vincere questa competizione”. Cristiano Ronaldo dice quasi subito quel che tutti i tifosi bianconeri volevano sentir dire alla stella portoghese durante la conferenza stampa di presentazione, per la quale si sono accreditati oltre 200 giornalisti. 

“Mi sono sempre piaciute le sfide. Penso sempre al presente e sono ancora giovane. Sono tranquillo e molto fiducioso, andrà sicuramente bene”, dice l’ex giocatore del Real Madrid acquistato dalla Juve per 105 milioni di euro. E la sfida è quella lì, riconquistare il titolo di campioni d’Europa sfiorato due volte nelle ultime quattro edizioni: “So che la Champions è un trofeo che tutte le squadre vogliono vincere – spiega Cristiano Ronaldo – Lotteremo per tutti i trofei, dobbiamo essere tranquilli e stare concentrati. Ovviamente spero di poter aiutare la Juventus a vincere questa competizione. Spero di portare fortuna“.

Di certo, sottolinea, “dopo Manchester United e Real Madrid voglio lasciare il segno anche nella storia” del club bianconero. “La Juventus è la miglior squadra d’Italia, ha un grande allenatore, un presidente vincente. Venire qui è stata una decisione facile“, afferma spiegando che quella arrivata da Torino è stata l’unica offerta ricevuta. “Un’opportunità grandissima – la definisce – perché solitamente i giocatori della mia età vanno in altri Paesi”. Lui invece si confronterà con il livello della Serie A, un campionato”molto tattico“: “So che sarà difficile, ma la mia carriera non ha avuto nulla di facile – aggiunge – Per questo voglio lavorare affinché le cosa funzionino bene”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Chievo e Parma, domani i processi Figc: “Richieste di pena pesanti, a rischio la A”

prev
Articolo Successivo

Parma e Chievo rischiano la Serie A: la procura federale chiede 2 punti di penalità per i ducali e 15 per i clivensi

next