Rapinatore per necessità. Bandito, senza troppa fortuna, per pagare i debiti dopo essere rimasto a casa dal lavoro. Questa la giustificazione fornita in caserma ai carabinieri di Chivasso, in provincia di Torino, da Marco Giovara, 33 anni, senza fissa dimora.  Agiva a volto scoperto, con un collare la collo, armato di pistola giocattolo e non si preoccupava di lasciare le sue impronte digitali. Era incensurato e sconosciuto agli investigatori. Nel mese di giugno ha messo a segno almeno tre rapine. I militari sono arrivati a lui dopo aver analizzato le immagini di videosorveglianza e aver monitorato decine di supermercati della zona. Agiva da solo, faceva la fila, attendeva il suo turno e rapinava la cassiera. L’uomo ha ammesso le sue responsabilità ma ha precisato che lo ha fatto per poter pagare i debiti dopo essere rimasto a casa dal lavoro. Era cuoco in Olanda.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Terni, bare abbandonate all’aria aperta. Residenti chiusi in casa: “Odore terribile”

prev
Articolo Successivo

Violento nubifragio e grandine sul Veneziano: Riviera e Miranese restano al buio, alberi sradicati e disagi al traffico

next