Luca Lovati, restauratore e storico collaboratore del pittore Agostino Bonalumi, è morto dopo essere precipitato da una scala a Palazzo Reale, a Milano, dove stava allestendo una mostra dell’artista. L’uomo, che aveva 69 anni, ha perso l’equilibrio ed è precipitato da circa quattro metri d’altezza. Portato in codice rosso all’ospedale Policlinico, è deceduto poco dopo.

Oltre ai carabinieri sono intervenuti il procuratore aggiunto di Milano Tiziana Siciliano, con gli uomini del pool antinfortuni della procura, e il personale del servizio Psal dell’Ats di Milano, competente per gli infortuni sul lavoro. La Procura di Milano ha aperto un’indagine per omicidio colposo a carico di ignoti. Siciliano, responsabile del dipartimento ambiente, salute e lavoro, ha già acquisito il video della telecamera interna che ha ripreso la scena. Da quanto si è saputo dalle immagini parrebbe che l’uomo abbia avuto un malore, ma solo l’autopsia, che si terrà nei prossimi giorni, chiarirà se sia stato male o meno. Gli inquirenti ipotizzano una violazione della legge sulla sicurezza sui luoghi di lavoro del 2008. La mostra su Bonalumi, prima antologica mai realizzata nel capoluogo lombardo, avrebbe dovuto essere aperta dal 13 luglio.

Il Comune di Milano ha espresso le sue condoglianze alla famiglia in una nota in cui spiega che “la dinamica dell’incidente sarà chiarita dalla Procura che ha assunto la direzione delle indagini”. L’Amministrazione comunale in segno di cordoglio ha annullato l’inaugurazione della mostra ‘Pino Pinelli. Pittura oltre il limite’ prevista per lunedì sera alle 18.30 a Palazzo Reale.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Antonello Montante è in carcere da due mesi con l’accusa di corruzione. Ma resta presidente di Unioncamere Sicilia

prev
Articolo Successivo

Xenofobia e reati d’odio, la Procura di Torino: priorità ai fascicoli, pool di pm ad hoc e no archiviazione facili

next