Una cagnetta bianca di peluche di nome Lady, pacchi regalo, oggetti di ogni tipo, un appartamento fiabesco ed ipercolorato della provincia americana negli anni cinquanta. Questa la bomboniera/gabbia al centro del film Favola, spazio casalingo che ottunde identità e vitalità della protagonista Mrs. Fairytale, interpretata in abiti da donna, rigorosamente rigidi dell’epoca, da Filippo Timi.

Rinchiusa nella luccicante magione Mrs. Fairytale incontra quotidianamente Mrs. Emerald (Lucia Mascino), signora borghese e sposata come lei, e in un tourbillon di sensibilità compresse ne nasce una sorta di possibile fuga d’amore. Favola è un melò atipicamente ironico e brioso, sessualmente gaio e indefinibile, che richiama la solennità dei set di Douglas Sirk e Todd Haynes mescolati all’arrivo degli alieni. La regia è di Sebastiano Mauri. Al cinema solo il 25-26-27 giugno 2018. Tratto dallo spettacolo teatrale ideato dallo stesso Timi che nella sinossi recita queste parole: “Nessuna Favola è mai perfetta come sembra, per quanto imbalsamata tu possa resistere dietro la bugia di un sorriso, la vita, carnosa, brutale, spietata, una notte magica di Natale busserà alla tua porta, e nulla sarà mai più come prima”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Festival di Berlino, l’italiano Carlo Chatrian direttore artistico: “Il cinema è commercio, ma è anche arte”

prev
Articolo Successivo

Ant-Man and the Wasp, due donne protagoniste del ventesimo e ultimo film di casa Marvel

next