Riccardo Fraccaro, ministro per i Rapporti con il Parlamento e alla Democrazia Diretta conferma la circostanza: “Lanzalone era una persona molto capace che ha dato una mano e come chiunque se sbaglia paga. Vediamo cosa diranno le procure”. Fraccaro non è pentito del suggerimento dato al primo cittadino di Roma: “Adesso non facciamo dietrologie. Noi – spiega Fraccaro – abbiamo sempre lavorato per il meglio, abbiamo fatto tante cose sia a Livorno sia col Sindaco Raggi a Roma e se qualcuno nel frattempo non si è comportato come doveva, è giusto che la magistratura vada avanti. Pentito? Fai fai le cose per il bene collettivo va bene così”. Poi il Ministro pentastellato sulla cena organizzata dalla Fondazione Gianroberto Casaleggio a cui erano presenti il figlio Davide e proprio Lanzalone, Fraccaro non ricorda se anche lui fosse presente all’evento: “Non credo di essere stato presente, non ricordo, non ero presente, mi sembra di no“.

Mentre  sull’arresto di Lanzalone precisa: “Tutti devono fidarsi dei tecnici, l’importante è che quando qualcuno non si comporta come dovrebbe venga allontanato, nessuno deve essere privileggiato perchè è vicino ad una forza politica”, ma sullo stadio della Roma afferma: “Non mi sembra che gli atti che riguardano lo stadio abbiano degli elementi di criticità solo perchè ci sono stati altri elementi di criticità su altre vicende collegate, gli atti che riguardano lo stadio mi sembrano corretti. Se lo stadio si farà – viste le ulteriori verifiche – si farà con la certezza che tutti gli atti giuridici e non saranno atti perfettamente legali. Fico? Massima durezza lo diciamo tutti” conclude Fraccaro

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Migranti, Fedriga: “Ok hotspot, ma prima cosa è togliere la protezione umanitaria”

prev
Articolo Successivo

Mussolini: “Salvini? Nostro leader”. Su via Almirante: “A Giuliani è dedicata aula del Senato”. Ma non è vero

next