Prima è stata piocchiata, poi è stata scaraventata da un’auto sulla tangenziale sud di Torino tra Stupinigi e La Loggia. Alla scena, sabato sera, ha assistitito un uomo che ha chiamato immediatamente i soccorsi. Sul posto sono arrivati gli agenti della polizia Stradale e il personale del 118. La vittima, una ragazza di 20 anni, è arrivata però in condizioni disperate all’ospedale Santa Croce di Moncalieri: aveva gli organi spappolati – hanno riferito fonti mediche alla Stampa – e dopo essere entrata in coma il suo cuore ha smesso di sbattere.

L’ipotesi è che Anxela Mecani, cittadina albanese, prima di quel terribile volo sia stata pestata brutalmente: ha segni ovunque che non sono solo le conseguenze dell’impatto sull’asfalto. Sull’omicidio indagano gli investigatori della squadra Mobile di Torino. I primi accertamenti dei detective della Polizia hanno permesso di darle un nome e di sapere che la giovane si prostituiva. Al momento le indagini seguono più piste: quella di una terribile punizione per uno sgarro all’organizzazione che l’ha messa sul marciapiede oppure per l’incontro con il cliente sbagliato. I poliziotti stanno cercando di ricostruire dove qual era la zona che Angela frequentava, se in passato era stata segnalata, se risultano aggressioni ai danni di prostitute. Al vaglio degli inquirenti anche il possibiel tragitto dell’auto dalla quale la ragazza è stata lanciata: le telecamere di sorveglianza e di sicurezza in zona potrebbero fornire elementi utili. C’è poi il testimone che, benché sconvolto da quanto visto, potrebbe aiutare chi indaga a individuare il o i killer.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano, 31enne trovato impiccato in casa. Scomparsa la fidanzata, ricerche in corso

next
Articolo Successivo

Melzo, riprese le ricerche della ragazza scomparsa. Un testimone parla di un’altra persona in macchina

next