Andare al voto a luglio? “La decisione spetta al Presidente della Repubblica ma è chiaro che a questo punto, per la situazione di crisi causata da Lega e M5s, prima si va alle elezioni meglio è”. Così il senatore dem Marcucci interrogato sulla possibilità di un repentino ritorno alle urne. “Dopo quello che ha fatto Mattarella la parola deve tornare al popolo – è invece il punto di vista leghista espresso dal senatore Stefano Candiani -, o si torna alla maggioranza che avevamo costruito con fatica o si torna al voto”. “Quale maggioranza? Vogliamo che si riparta da dove si era iniziato, con il centrodestra o con il m5s, ma basta con le pantomime del Presidente della Repubblica”. Secondo Barbara Lezzi (M5s) il voto è ormai l’unica opzione percorribile: “Voto prima possibile, non si riesce neanche a costituire un governo… non si può tenere il paese in questo stato di incertezza”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Di Maio: “Voto prima possibile, ma pronti a collaborare con Mattarella sulla crisi. Impeachment? Non è più sul tavolo”

next