Il “Contratto per il cambiamento” proposto da Lega e Movimento 5 Stelle fa discutere gli attivisti dei due partiti, che anche in Piemonte sono scesi in piazza con i gazebo. Dieci sono stati quelli allestiti dal Carroccio, per permettere ai sostenitori di votare il contratto, mentre i militanti del Movimento 5 stelle hanno organizzato dei banchetti informativi. Tra gli attivisti si entrambi i partiti prevale una scarsa fiducia nel leader dell’altro schieramento, anche se tutti sperano che i punti del contratto vengano rispettati.

 

 

 

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lega-M5s, nei gazebo a Milano “L’alleato non è granché, ma insieme 5 anni”. Ed entrambe le parti chiedono il premier

next
Articolo Successivo

Provenzano (Pd) all’Assemblea: “Nasce forse il peggior governo, ma nasce con l’auspicio e il contributo di una parte di noi”

next