Polemica rovente a Tagadà (La7) tra il giornalista ed ex direttore dell’Unità, Giuseppe Caldarola, e il filosofo Diego Fusaro. Quest’ultimo si rende protagonista di un battibecco con l’ex ministro Paolo Cirino Pomicino che lo accusa di usare un linguaggio di destra. Poi allo stesso Fusaro la conduttrice Tiziana Panella chiede di dare una definizione di Partito Democratico. “E’ l’esito terminale del serpentone metamorfico Pci-Pds-Ds-Pd” – risponde il filosofo – “Dall’eroica difesa dei lavoratori con Gramsci e Togliatti è passato a difendere direttamente il capitale, le banche, i signori del mondialismo. E quindi è stato un tradimento integrale del grande Gramsci, che si sta rivoltando nella tomba”. Caldarola, già parlamentare per due legislature prima nei Ds e poi nell’Ulivo, non ci sta e fa un riferimento alla neo-collaborazione di Fusaro con “Il Primato Nazionale”, rivista di Casapound: “Volevo solo sottolineare che Gramsci non avrebbe mai parlato con Casapound. Forse il giovanotto non lo sa. E quelli di Casapound dell’epoca misero in galera Gramsci”. “Socrate avrebbe dialogato con Casapound e con il Pci”, ribatte Fusaro. “Socrate lascialo stare”, replica il giornalista. “Socrate dialoga con tutti” – continua Fusaro – “Chi nega il dialogo è, perciò stesso, incapace di aprirsi al logos. E’ un misologo, direbbe Platone”. “Ma stai buonino” – commenta Caldarola – “E non citare Gramsci. Cerca di leggerlo, si vede che di lui non hai letto un tubo”. Caldarola, poi, puntualizza di essere sempre stato di sinistra socialista di tradizione comunista con Gramsci. “Bisognerebbe, però, leggere Gramsci”, osserva Fusaro. E riesplode la polemica. “Ma figuriamoci” – afferma il giornalista – “Adesso viene Fusaro a spiegarmi che devo leggere Gramsci?”. “E perché si sente chiamato in causa?” – replica Fusaro – “Ho detto solo che va letto”. “Questo balbettio da analfabeta di ritorno mi infastidisce” – sbotta Caldarola – “Io purtroppo ho l’abitudine di leggere, perché ho iniziato la mia vita professionale come redattore di una grande casa editrice. E quindi leggo anche le cose che non mi piacciono, come gli articoli di questo Fusaro”. “Benissimo, questo per me è un titolo d’onore”, controbatte Fusaro. “In quegli articoli io non ho trovato nulla, né la sostanza culturale”, chiosa Caldarola

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

C'era una volta la Sinistra

di Antonio Padellaro e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Governo, Salvini: “Lunedì da Mattarella col nome del premier? Certamente non con l’uovo di Pasqua”

next
Articolo Successivo

M5s-Lega, Meli vs Siri: “Del vostro contratto non verrà fatto nulla”. “Non capisco questo suo pessimismo”

next