Gli attori di questa Gomorra sono piano piano venuti alla luce. Numerosi, e ognuno con la sua fetta di responsabilità. Delinquenti senza nulla da perdere, Democrazia cristiana, ministero dell’Interno e ministero di Grazia e giustizia, Sismi, Sisde, carabinieri, giudici, istituzioni carcerarie, e non ultima una stampa accucciata ai piedi del potere politico e giudiziario. Un ginepraio di malaffare e di cinica interpretazione della ragione di Stato. Molti questa storia non la possono più raccontare. Qualcuno, come l’onorevole Ciro Cirillo o come il
serial killer delle carceri Pasquale Barra, ha concluso la sua muta esistenza nel proprio letto, i più sono saltati in aria a bordo di macchine imbottite di tritolo, ammazzati sotto i colpi dei kalashnikov, sepolti dentro blocchi di cemento. Qualcuno però ha parlato, e ciò è stato sufficiente per porre il caso Tortora sotto una luce diversa. Si è espresso, quando ha potuto farlo, Raffaele Cutolo, il capo della Nuova camorra organizzata che in quegli anni dominava la Campania. Ha raccontato la sua verità Francesco Pazienza, il faccendiere 007 che ha
partecipato alla prima trattativa Stato-camorra. Hanno confessato le pressioni subite da parte dei carabinieri molti dei falsi pentiti che accusavano Enzo Tortora. Un grande contributo è arrivato da alcuni magistrati. Da chi ha seguito i tre tronconi processuali nati dal
maxiblitz che ha portato all’arresto del presentatore e da chi, come Carlo Alemi, l’allora giudice istruttore di Napoli poi trasferito a Caserta, tra mille difficoltà, e mettendo a rischio la propria incolumità, ha puntato il dito contro la Democrazia cristiana, svelando i contorni
della liberazione dell’assessore Cirillo.

Da tempo le tessere del puzzle sono sul tavolo. Basta riprenderle in mano per raccontare una storia che a trent’anni di distanza non ha perso vigore. La storia di un agnello sacrificale, prima che della vittima di una persecuzione giudiziaria. Un legal thriller incredibile e terribile, che si può ricostruire solo uscendo dalle mura di Castel Capuano, allora sede della Procura penale napoletana, per infilarsi
nell’inferno delle carceri, avventurandosi tra assassini, camorristi, agenti dei servizi segreti, mitomani e psicopatici. Un viaggio che prevede una sosta negli studi di un monopolio Rai in procinto di cambiare pelle e nelle redazioni di giornali che di cambiare, in quel
primo scorcio degli anni Ottanta, non avevano alcuna intenzione. E, infine, un salto nelle caserme partenopee e un trillo di campanello alla porta dei palazzi del potere.

INDIETRO

Il Caso Enzo Tortora, a 30 anni dalla morte del giornalista il libro che è un legal thriller di sconvolgente attualità

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Resistenza: in un libro fotografico storia, volti e sentieri della Linea Gotica. Wu Ming 2: “Così nacque la piccola Repubblica della 36esima Brigata”

next
Articolo Successivo

Giornate dei Castelli, torri e fortezze aperte al pubblico in tutta Italia: “Un patrimonio secolare minacciato dalla burocrazia”

next