“Cara Barbara, lui è molto più giovane di me, ma la tensione tra noi è insostenibile. Dimmi, che faccio?”
“Ma…te lo devo dire io? Che aspettate a saltarvi addosso con un urlo da Tarzan?”

Certe volte basta una frase, in altri casi pagine intere, per trattare gli strazi del cuore. Da trentacinque anni Barbara Alberti, scrittrice e conduttrice, risponde, dalle pagine delle più importanti riviste italiane, a migliaia di messaggi che la interrogano su ogni possibile sfumatura delle relazioni. “Lettere d’Amore a Barbara Alberti” porta sullo schermo le curiosità e le angosce che attraversano indenni intere generazioni di mittenti in bilico tra il divertimento e la catastrofe. Quindici minuti durante i quali la conduttrice, accompagnata in studio dalla giornalista Diletta Parlangeli, risponderà alle domande ricevute in questi anni. Suocere impiccione, gelosi in cerca di corna, ficcanaso delle lenzuola altrui, amiche spudorate e genitori assenti: non esiste buonsenso, nelle ardite logiche dei sentimenti. E, men che meno, segreti per una riuscita sicura: bisogna sporcarsi le mani sul campo.

Barbara, come racconta nel format ideato con Luca Sommi e disponibile in abbonamento su Loft Produzioni, è pronta a caricarsi per un po’ del dolore di chi le chiede consiglio (per poi, puntualmente, non seguirlo). “Da un sondaggio fatto nel quartiere, pare che una sola cosa renda gli amori duraturi: avere un progetto comune”, risponde Barbara sull’elisir di lunga vita di un amore. E il sesso, talvolta chirurgico nelle sue rappresentazioni pornografiche, deve restare affare di chi lo fa: “Non è un pranzo di gala. Un amante, o è un confidente di gusti, o non è niente”. La risposta sarà sempre la più inattesa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sekret, concorsopoli all’università Tor Vergata: “Ritiri il ricorso o non farà mai carriera finché sarò io rettore”

next
Articolo Successivo

La Confessione, Sandra Milo: “Il mio ex marito mi ha rotto naso, orecchie e mascella, ma non l’ho voluto denunciare”

next