“Camerata Sergio Ramelli, presente”. Il grido, accompagnato dal saluto romano, si è ripetuto per tre volte. Circa 1500 persone legate ai movimenti dell’estrema destra si sono radunate in via Paladini, a Milano, per commemorare l’attivista di Fronte della Gioventù. Lì Ramelli, nel marzo del 1975, mentre stava tornando a casa, venne aggredito da alcuni militanti legati ad Avanguardia Operaia. Morì 48 giorni dopo, il 29 aprile. Al corteo hanno sfilato gli esponenti di Casapound, Forza Nuova e Lealtà e Azione, ma anche le delegazioni di Skinhead e quelle di Dodici Raggi. È rimasto deserto invece il Campo X, al cimitero Maggiore di Milano. Dopo i saluti fascisti dell’anno scorso, la Prefettura infatti ha deciso di chiudere parte degli ingressi e di far presidiare i varchi dalle forze dell’ordine

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Incidente Pioltello, l’indagine ministeriale per il momento è ‘segreta’: non ammessi ferrovieri responsabili per la sicurezza

prev
Articolo Successivo

Milano, statua di Montanelli sfregiata dalle femministe: “Stupratore di bambine”

next