Polemica vivace a Dimartedì (La7) tra il direttore de La Verità, Maurizio Belpietro, e il deputato Pd, Ettore Rosato. Quest’ultimo ripete che il suo partito è alternativo al M5S, motivo della scelta dem di stare all’opposizione. E sull’accordo con Berlusconi nella passata legislatura, puntualizza: “Berlusconi ha dato un piccolo contributo con 10 senatori che ci mancavano, ma era il governo del Pd, non di Berlusconi. Qua invece si tratterebbe di portare un po’ d’acqua a Di Maio che vuole fare il premier su un programma indifferente. Poi scaricherà le responsabilità sul Pd quando non riuscirà a realizzare le cose che ha promesso e che sono irrealizzabili”. Belpietro, dopo un primo battibecco col vicepresidente della Camera, gli chiede: “Se c’è un governo Di Maio che realizza il vostro programma, perché non ci state? Realizzerebbe quello che volete fare. Nell’interesse del Paese, sia chiaro”. “Il problema è che i 5 Stelle non sono credibili”, risponde Rosato. E Belpietro ribatte: “Sa che c’era un segretario del Pd che ha detto che si sarebbe ritirato dalla politica se avesse perso il referendum costituzionale? E lui è credibile?”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Giustizia, Davigo: “La politica non ha mai fatto pulizia al suo interno. Ha sempre detto di aspettare le sentenze”

prev
Articolo Successivo

Travaglio vs Rosato (Pd): “Siete schizzinosi con un ragazzo di 31 anni e corrivi con un vecchio pregiudicato puttaniere”

next