L’intricata e per certi versi incredibile vicenda siciliana in cui l’ex consigliere Salvino Caputo, incandidabile per legge, ha messo in lista suo fratello, stampando manifesti senza foto e nome di battesimo con l’obiettivo – secondo gli inquirenti – di spacciarlo per se stesso, e che ha coinvolto il movimento ‘Noi con Salvini‘ in Sicilia e che ad oggi conta due persone agli arresti domiciliari per voto di scambio e con due dirigenti del movimento, tra cui un deputato della Lega, indagati per istigazione al voto di scambio, viene affrontata dal leader Matteo Salvini con una riunione a Roma, nel palazzo dei gruppi parlamentari di Montecitorio. Al termine Alessandro Pagano, deputato leghista che risulterebbe essere il primo indagato della diciottesima legislatura, esce sollevato assieme ad Angelo Attaguile: “Il commissariamento di ‘Noi con Salvini’ Sicilia? Non era all’ordine del giorno. Abbiamo detto a Salvini come stanno le cose e cioè che i deputati in questa vicenda c’entrano come i cavoli a merenda“. Dal canto suo Salvini, che dopo le consultazioni da Mattarella non aveva voluto rispondere alle domande durante la sua lunga passeggiata per Roma, afferma: “Sarò presto in Sicilia e aspetto di leggermi tutte le carte. Prima leggo, poi parlo e con tutto il rispetto per i giornalisti, ho letto scritte delle cose che non esistono e poi qualche querela parte”. E’ pentito di aver imbarcato ex di tanti partiti e riciclati? “Non sono pentito di niente. Se uno è una persona per bene che ha un’esperienza alle spalle secondo me non va buttato via, ma ho chiesto a tutti massima attenzione”, risponde il segretario della Lega, che poi sorride quando gli viene chiesto che metodo è usare il nome del padre (incandidabile per legge) per candidare il figlio o il fratello. “Quando si cresce bisogna stare attenti e staremo sempre più attenti e se alla prova dei fatti qualcuno si dimostra furbo o poco onesto non ha nella Lega casa sua”. Il meno preoccupato della situazione siciliana della Lega e della sua “costola” ‘Noi con Salvini’ sembra essere Antonino Rizzotto, deputato dell’Assemblea Regionale Siciliana sotto le bandiere di ‘Noi con Salvini’: “D’altronde non è che ci sono grandi situazioni”. Questa la sintesi che fa di un’indagine che ha portato già i Caputo agli arresti domiciliari. “Salvino Caputo non è più leghista, lo fu”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Consultazioni, Salvini sul M5s al Colle: “Non ho sentito tanti sì. Di Maio non riconosce centrodestra? Chiedete a lui”

next
Articolo Successivo

Consultazioni, Renzi riunisce i suoi (senza Martina) e dice no all’incontro con Di Maio. Spunta l’ipotesi primarie subito

next