Quattro giorni dopo le elezioni aveva chiesto “responsabilità” alle forze politiche in vista della formazione di un governo. Oggi, una settimana esatta dopo il voto, il capo dello Stato Sergio Mattarella torna a parlare di “sorti comuni” e “apertura senza egoismi”. Lo fa nel suo intervento alla consegna degli attestati d’onore di Alfiere della Repubblica a 29 ragazzi e ragazze nati tra il 1999 e il 2007. Parla ai giovani, ma le sue dichiarazioni hanno un peso diverso perché pronunciate alla vigilia dell’insediamento del nuovo Parlamento e nei giorni in cui iniziano le trattative per il nuovo esecutivo. “Avete dimostrato di essere protagonisti come cittadini”, ha detto il presidente della Repubblica, “dimostrando di sentire la corresponsabilità per le sorti comuni del nostro Paese e facendo comprendere che occorre essere protagonisti e costruire il futuro, senza chiudersi nelle proprie dimensioni individuali, magari con egoismo”. Quindi ha concluso: “Io ho grande fiducia nel futuro dell’Italia e voi siete una delle ragioni di questa fiducia”.

Quest’anno è stato dedicato ampio spazio a quanti si sono impegnati per la promozione dell’ambiente, inteso sia come salvaguardia del territorio sia come sviluppo del patrimonio culturale e sociale. Accanto ai 29 attestati d’onore, il dpresidente Mattarella ha poi voluto riconoscere il merito di tre iniziative collettive assegnando loro una targa. Al termine della cerimonia, condotta da Nicola Conversa e Anna Madaro, youtuber e attori del gruppo “Nirkiop” di Taranto, è intervenuto per un breve saluto anche il presidente Mattarella.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Un governo entro giugno è possibile, poi tutti in vacanza

next
Articolo Successivo

Larghe intese, Brunetta: “Pd non può tirarsi fuori, noi nel 2013 appoggiammo Letta e fummo responsabili”

next