Un uomo di 90 anni ha sparato alla moglie 88enne e poi si è tolto la vita con la stessa arma: è successo a Torino, in un’abitazione di via Coppino, nel quartiere di Borgo Vittoria. Per gli inquirenti si tratta di un omicidio-suicidio: i loro cadaveri sono stati trovati su due poltrone, uno accanto all’altro.

A dare l’allarme sono stati i parenti della coppia, preoccupati perché i due anziani non rispondevano al telefono. Lei era una commerciante in pensione, soffriva di Alzheimer e faticava a riconoscere le persone. Questo sembra essere proprio il motivo del gesto: l’uomo, ex elettricista, forse aveva paura che lei soffrisse o che rimanesse da sola. La pistola era legalmente detenuta dall’anziano. Sul posto è intervenuto il 118, che non ha potuto fare altro che constatare il decesso e la polizia per le indagini del caso.

Giulio Gauna, ex partigiano col nome di battaglia di ‘Canguro’, ha fatto fuoco con una pistola semiautomatica calibro 7,65 regolarmente detenuta: due colpi verso di lei, alla testa, e uno rivolto a se stesso. Vera Sartore, 88 anni, ormai faticava a riconoscere le persone, anche quelle più care. Si erano incontrati in seconde nozze e da allora non si erano mai più separati. “Insieme, con coraggio, affrontavano la malattia di lei”, spiega chi li conosce. “E insieme l’hanno fatta finita”, dicono convinti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Bambine uccise a Cisterna di Latina: non fate il funerale senza la madre, vi prego

next
Articolo Successivo

Pescara, 29enne ucciso. La madre su Facebook: “Maledetto killer guardati le spalle, comincia la caccia”

next