Asia Argento risponde all’appello internazionale per lo sciopero globale delle donne e l’8 marzo scenderà in piazza con Non Una Di Meno, a Roma per il corteo, che andrà da piazza Vittorio a Piazza Madonna Di Loreto. “In Italia mi hanno chiamato puttana, mi hanno detto che me l’ero cercata – spiega in un video pubblicato sul profilo Facebook di Non una di meno  – Hanno detto che una persona come me non era una vera vittima, e questo mi ha fatto molto male e mi ha fatto riflettere. Quasi tutte le donne hanno vissuto un episodio di violenza, e forse tutte insieme riusciamo a cambiare questo patriarcato così radicato non solo nella nostra cultura”. In tutte le città d’Italia ci saranno azioni, picchetti, piazze tematiche, presidi durante la mattina e cortei pomeridiani. Saranno più di 70 i paesi – si legge in una nota del movimento – in cui le donne incroceranno le braccia astenendosi da qualsiasi attività produttiva e riproduttiva, formale o informale, retribuita o gratuita. Lo sciopero femminista coinvolgerà le lavoratrici a tempo indeterminato, le partite Iva, le precarie, le lavoratrici in nero, il lavoro di cura e domestico, le stagiste e le lavoratrici senza contratto, le disoccupate e le studentesse. “Lo faremo tutte insieme perché il movimento globale delle donne è coraggio di parlare, forza di rompere il silenzio, la paura e la vergogna che avvolgono le molestie sui posti di lavoro, quest’ultimo sempre più precario. #MeToo abbiamo detto in tante, #WETOOgether sarà la risposta dello sciopero femminista” conclude la nota

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Chi porta un’arma con sé non può non subire controlli psicologici

prev
Articolo Successivo

Migranti ambientali, l’Italia riconosce la protezione umanitaria a chi ‘scappa dal caldo’

next