L’intervista a Bersaglio Mobile (La7) è cominciata da appena tre minuti, ma Silvio Berlusconi si dimostra ancora una volta un ospite difficile. Gli aneddoti la fanno da protagonisti anche se servono a introdurre critiche agli avversari. E’ il caso del M5s e del programma, che il Cavaliere dice di aver letto (“quello vero”) grazie a un ex militante del Movimento. E in quel programma avrebbe incontrato una serie di punti che lo hanno messo in allarme, tanto da spingerlo a impegnarsi un’altra volta in prima persona. Ma a Enrico Mentana non risulta che quanto elencato da Berlusconi sia nel programma dei cinquestelle. Così è costretto a riprenderlo e a interromperlo: “Ma queste cose non ci sono, è come se uno mi dicesse che lei vuole la pena di morte”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Vota qualunque cosa ma vota! Sennò ritorna B, e poi è inutile che piangi

prev
Articolo Successivo

Pavia, le case di decine di attivisti marchiate con adesivi sulla porta: “Qui ci abita un antifascista”

next