The Insult è un altro di quei film che hanno sorpreso nell’annata 2017. Probabilmente tra i cinque è anche quello meno connotato dal punto di vista dello stile di regia. Ziad Doueiri, già assistente alla regia di diversi film di Quentin Tarantino, ha voluto plasmare politicamente la sua storia apparentemente banale che prende spunto da un busillis: una grondaia sporgente da un terrazzo perde acqua. Il capocantiere palestinese la fa riparare, ma l’inquilino cristiano libanese esce sul terrazzo infuriato e distrugge la riparazione. Al palestinese che osserva attonito scappa un insulto verso l’inquilino. Questione privata da nulla che, in un movimentato crescendo di suspense e microeventi quotidiani, si fa questione pubblica, storica ed etica, tra processi giudiziari e scontri familiari. Doueiri sbatte così sul muso dell’informato pubblico occidentale, che sapeva primariamente delle stragi cristiano libanesi compiute assieme ad Israele contro i palestinesi, della violenza senza limiti dei filopalestinesi. Non c’è manicheismo nel film, ma il dubbio che la storia sia più complessa di quella che è stata raccontata, e che la soluzione sta in una pacificazione del basso, viene affermato forte e chiaro. Probabile che questo elemento politicamente “riparatore” faccia colpo nell’Academy. Anche se il distributore statunitense di The Insult è Cohen Media Group che proprio un anno fa ha già raccolto l’Oscar per il Miglior Film Straniero con l’osannato iraniano The Salesman. Il Libano è alla sua prima nomination nella categoria suddetta.

INDIETRO

Oscar 2018, mai battaglia così aperta per il miglior film straniero: tutti hanno vinto almeno un premio

AVANTI

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Oscar 2018, i candidati per le migliori colonne sonore: in pole position Jonny Greenwood dei Radiohead

next
Articolo Successivo

Oscar 2018, la miglior attrice protagonista: Sally Hawkins, Margot Robbie, Meryl Streep, Saoirse Ronan. Chiunque tranne Frances McDormand

next