Lacrime e un lungo abbraccio con il suo avvocato dopo l’assoluzione ottenuta dall’ex consigliere regionale della Sardegna Ignazio Artizzu (ex An), accusato di peculato per 186mila euro nell’ambito dell’inchiesta sui fondi ai gruppi. La gip del Tribunale di Cagliari Ermengarda Ferrarese ha accolto la richiesta del pm Marco Cocco, che nella requisitoria del processo con rito abbreviato aveva chiarito l’assenza dell’elemento soggettivo – Artizzu non intendeva commettere reato – e rimarcato la legittimità di buona parte delle spese sostenute dall’allora consigliere, già giornalista Rai.

Oggi, dopo una breve arringa del difensore Massimo Delogu, la giudice si è ritirata in camera di consiglio: uscita dopo mezz’ora ha letto la sentenza di assoluzione, accolta con un lungo abbraccio tra Artizzu e il suo avvocato. “È il mio angelo – ha detto riferendosi al difensore Delogu – sono felicissimo”. Rinviato, invece, al 25 maggio il processo per gli ex consiglieri, sempre di An, Antonello Liori e Giovanni Moro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Stefano Ricucci, l’imprenditore in manette per corruzione in atti giudiziari. Ai domiciliari un giudice tributario

next
Articolo Successivo

Stragi naziste, liberi quasi tutti i criminali tedeschi condannati. Pg: “E l’Italia si costituisce contro eredi vittime”

next